Carbossiterapia

E’ l’impiego a scopo terapeutico di anidride carbonica o CO2 che viene somministrata allo stato gassoso per via sottocutanea.

Gli effetti terapeutici della carbossiterapia sono:

  • vasodilatazione arteriolare con aumento dell’ossigenazione dei tessuti interessati 
  • neoangiogenesi, cioè stimolo alla formazione di nuove formazioni venose e capillari
  • effetto lipolitico, dovuto sia all’elevato aumento dell’ossigenazione tissutale,sia alla distensione dei tessuti sottocutanei che,attraverso l’attivazione di recettori specifici,portano alla scomposizione e all’eliminazione dei grassi contenuti all’interno degli adipociti che costituiscono il tessuto adiposo
  • miglioramento dell’elasticità della pelle

Il trattamento è sicuro per il paziente, poiché l’anidride carbonica è atossica ed è compatibile con l’organismo umano. Con la carbossiterapia possono essere trattati i seguenti inestetismi o patologie:
- Trattamento della cellulite in medicina estetica
- Trattamento pazienti arteriopatici, stasi del microcircolo (media insufficienza venosa) in angiologia
- Trattamento patologie artroreumatiche e periartriti in ortopedia.